News Default Tornado nella Pianura Padana: La Dinamica del "Punto Triplo"
0
Pianura Padana

Published :

Tornado nella Pianura Padana: La Dinamica del "Punto Triplo"

17 aprile 2024

Un modello concettuale rivela i meccanismi alla base della formazione dei tornado nella Pianura Padana, offrendo nuove prospettive per la previsione di questi fenomeni distruttivi.

Il Fenomeno dei Tornado

I tornado che si manifestano nel Nord Italia spesso si formano in corrispondenza di un "punto triplo". Questo punto rappresenta la confluenza di tre masse d'aria provenienti da direzioni diverse e con caratteristiche differenti: umida, secca e più fredda. Uno studio condotto dall'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Isac), in collaborazione con le Università di Bologna, Bari e Milano, ha analizzato questo fenomeno.

La Sequenza Anomala

Nel settembre 2021, la Pianura Padana ha registrato un evento inusuale: sette tornado si sono sviluppati in poche ore, causando gravi danni in numerose località. Quattro di questi vortici sono stati classificati di grado F2 secondo la scala Fujita, mentre tre sono stati classificati di grado F1. La complessa orografia della regione, con Alpi e Appennini che modulano i flussi atmosferici nei bassi strati, ha reso questa sequenza particolarmente interessante per i ricercatori.

La Dinamica del "Punto Triplo"

Le osservazioni al suolo durante l'evento hanno rivelato che i tornado si sono sempre sviluppati a non più di 20-30 km di distanza da una dryline, ovvero un fronte di aria secca discendente dagli Appennini. Contemporaneamente, correnti umide da sud-est soffiavano dal Mar Adriatico verso la Pianura Padana. Significativamente, altri temporali sviluppati nella stessa giornata ma a distanza maggiore dal punto triplo non hanno generato tornado.

Simulazioni Numeriche

Lo studio ha utilizzato simulazioni numeriche ad alta risoluzione con il modello meteorologico MOLOCH, sviluppato presso l'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima di Bologna (Cnr-Isac). Queste simulazioni hanno permesso di analizzare le supercelle che hanno generato i tornado, contribuendo alla comprensione dei meccanismi fisici alla base di questi eventi distruttivi.

  • Reactions

    0
    0
    0
    0
    0
    0

    Your email address will not be published. Required fields are marked *